Lazio prima regione per crescita imprese

ICE-Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane
7 Settembre 2016
Mostra tutto

Lazio prima regione per crescita imprese

Lazio: prima regione per tasso di crescita delle imprese - Commercity Blog

Relazione Unioncamere, nel Lazio si può crescere molto

Giovani manager e nuove imprese

Nei giorni scorsi una ricerca di Unioncamere, l’associazione italiane delle camere di commercio, ci ha fatto sapere che il Lazio è la prima regione italiana per tasso di crescita nel numero delle imprese. Un dato positivo, non c’è dubbio. Anche se, dopo la crisi più lunga del Dopoguerra, il terreno da recuperare è talmente tanto che è bene rimanere con piedi per terra davanti ad ogni statistica con il segno più. La ripresa è ancora fragile, non strutturale, come riconosce lo stesso presidente Nicola Zingaretti. E se le cose stanno così non è solo perché il vento dell’economia non è ancora girato. O perché la crisi ci ha fatto scoprire una virtù che non pensavamo di avere, la sobrietà, e adesso non spendono più nemmeno quelle (poche) famiglie che pure potrebbero farlo senza problemi.

Servono tante imprese ma anche grandi imprese

Per trasformare la ripresina fragile in ripresa strutturale non bisogna guardare solo al numero delle imprese. Ma anche al loro peso, alle loro dimensioni, soprattutto alla loro capacità di penetrazione dei mercati esteri. Non per un banale vezzo patriottico ma perché la capacità di agganciare mercati dove la domanda è più dinamica che da noi significa garantire i posti di lavoro che ci sono da noi. E magari anche crearne di nuovi. Il vecchio slogan del piccolo è bello è stato anche una trappola. È vero che il tessuto economico della nostra regione, e dell’Italia in genere, è fatto di quelle piccole e medie imprese che nel passato hanno creato un capitalismo diffuso e un benessere altrettanto diffuso. E anche vero, però, che non sempre il piccolo imprenditore ha quelle competenze per fare il salto di qualità, per guardare anche ai mercati lontani da casa. Eppure le opportunità ci sono.

Giovani Manager a disposizione

 In questi anni di crisi sono stati tanti i manager, ancora giovani, mandati via dalle grandi imprese che hanno tagliato i costi per rimanere a galla. Spesso persone in gamba, spesso persone che hanno proprio quella visione globale che non è sempre facile avere nella piccola azienda familiare. Recuperare quelle competenze, per i nostri piccoli imprenditori, può essere un modo per tentate il salto di qualità (e di quantità) verso i nuovi mercati. E anche una strada per dare una nuova opportunità a chi è uscito dal mercato del lavoro ma è ancora troppo giovane per sedersi ai giardinetti. Sarebbe un’alleanza capace di far guadagnare tutti, compresa l’economia della nostra Regione. Anche la politica può fare la sua parte, magari con un pacchetto di incentivi fiscali. Perché piccolo sarà anche bello. Ma un po’ più grande sarebbe meglio.

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi